Steeb&CARTA Studio Legale

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

19. März 2020
Avvocato Luigi A. Carta
Heilig-Kreuz-Str. 19
86152 Augsburg
Tel.: +49 821 543 762 79
E-Mail: kontakt@rechtsanwalt-carta.de

Gentile signore o signora,

Come forse già saprai, siamo tutti in tempi difficili a causa del virus COVID-19 (Corona). Non pensiamo solo a noi stessi qui in Germania, ma anche ai nostri amici e parenti in Italia. Questi tempi difficili presentano a tutti noi sfide senza precedenti. Molti dei nostri mandati lavorano nel settore della ristorazione. Molti di loro gestiscono uno o più ristoranti. Pertanto, conosciamo molto bene la situazione precaria in cui si trovano molti ristoratori. Per molti, limitare gli orari di apertura è una seria minaccia alla loro esistenza. Per questo motivo abbiamo deciso di pubblicare questa lettera con informazioni importanti soprattutto per i ristoratori italiani o i ristoratori di origine italiana.

Attenzione: vorremmo sottolineare che queste informazioni sono aggiornate quando pubblicate. Tuttavia, possono verificarsi cambiamenti di volta in volta a causa di questa situazione eccezionale. Se non sei sicuro che le informazioni siano ancora aggiornate o se hai domande, ti preghiamo di contattarci.

1. Devo chiudere completamente il mio ristorante, caffè, bar?

Si! Il Premier Bavarese Söder ha annunciato che apparire dalla notte da venerdì (20.03.2020) a sabato (21.03.2020) i ristoranti devono rimanere chiusi. E possibile solo la consegna dei piatti da“portare via“ e davanti alla porta, senza contatto.

2. Quali sono le mie opzioni se devo chiudere le mie operazioni a causa di COVID-19?

a. Aiuto di Stato bavarese (bayerische Staatshilfe)

Al fine di sostenere rapidamente le piccole e medie imprese con problemi di liquidità in Baviera, il Ministero dell’ economia ha deciso di pagare gli aiuti d’emergenza Corona. Secondo il ministro Hubert Aiwanger, le prime persone colpite avranno i soldi nel loro controcorrente già a partire da domani (20 marzo 2020). I fondi necessari sono già disponibili per i governi distrettuali e la capitale dello stato di Monaco.

Il programma immediato è rivolto ai lavoratori autonomi, liberi professionisti, piccole e medie imprese con un massimo di 250 dipendenti in Baviera. L’aiuto di emergenza è scaglionato e dovrebbe essere erogato in modo rapido e senza burocrazia. L’aiuto di emergenza non è espressamente un sostituto di eventuali prestiti più grandi che possono essere richiesti, che vengono erogati attraverso la banca interna o addirittura un finanziamento per i dipendenti, ma in realtà un aiuto rapido. I pagamenti che vengono effettuati solo una unica volta sono i seguenti: dai soli commercianti e aziende fino a cinque dipendenti fino a 5.000 euro, fino a dieci dipendenti 7.500 euro, fino a 50 dipendenti 15.000 euro, fino a 250 dipendenti 30.000 euro.

Puoi trovare il modulo sotto questo link:

https://www.stmwi.bayern.de/fileadmin/user_upload/stmwi/Themen/Wirtschaft/Dokumente_und_Cover/2020-03-17_Antrag_Soforthilfe_Corona.pdf

b. Lavoro di breve durata (Kurzarbeit)

Se le aziende ordinano un lavoro di breve durata a causa delle malattie globali causate dal coronavirus e questo si traduce in una perdita di guadagno, i dipendenti interessati possono ricevere benefici di lavoro di breve durata. Questo vantaggio deve essere richiesto dal datore di lavoro.

Una condizione per ricevere prestazioni lavorative di breve durata è che le normali ore lavorative sono temporaneamente ridotte in modo significativo.

Questo può essere il caso, ad esempio, se le consegne non si verificano a causa del corona virus, il che significa che l’orario di lavoro deve essere ridotto, o se le misure di protezione statali assicurano che la società sia temporaneamente chiusa.

Puoi trovare il modulo sotto questo link:

https://www.arbeitsagentur.de/datei/antrag-kug107_ba015344.pdf

c. KfW Corona Help: Prestiti per le aziende

Il governo federale ha deciso un pacchetto di misure per sostenere le aziende nell’affrontare la crisi della pandemia corona. Il compito della KfW è di facilitare la fornitura dell’ impresa con i fondi liquidi necessari a breve termine.

A tal fine, la KfW utilizzerà i crediti esistenti per aziende, lavoratori autonomi e liberi professionisti e migliorerà i termini e le condizioni di accesso ivi. Si prega di notare che queste non sono sovvenzioni.

Finora non è stato possibile presentare una domanda specifica per la situazione di crisi. Secondo le autorità, i moduli dovrebbero essere inviati direttamente alle banche da lunedì 23 marzo 2020. Dunque la domanda per un credito sarà possibile solamente a partire da questo lunedì 23 marzo 2020.

d. Domanda di differimento di crediti fiscali in sospeso

I pagamenti fiscali aperti o in sospeso possono generalmente essere posticipati con una domanda di differimento o pagati in rate. Tuttavia, le condizioni sono state finora controllate rigorosamente e le applicazioni non sono state approvate. In questa situazione di crisi probabilmente gli ostacoli verranno eliminati e il rinvio dei  pagamenti in sospeso sarà concesso senza interesse.

e. Richiesta di riduzione del pagamento anticipato

Se si soffre di un calo delle vendite a causa della situazione attuale nella propria azienda, potrebbe avere senso ridurre gli attuali pagamenti anticipati (tasse societarie, commerciali, imposte sul reddito e di solidarietà) per il 2020.

Per questo, una domanda deve essere presentata all’ufficio delle imposte. Poiché il calo delle vendite non sarà   visibile fino a marzo e  siccome queste  cifre non sono subito disponibili all’ufficio delle imposte, questo potrebbe eventualmente respingere la domanda.

3. Le autorità chiudono il ristorante o l’azienda – il dipendente ha ancora diritto a una rimunerazione?

Probabilmente si. Tale misura ufficiale rappresenta un caso del cosiddetto rischio operativo, in cui il dipendente conserva il proprio diritto alla rimunerazione anche senza svolgere il proprio lavoro.

4.Il lavoratore non malato deve rimanere a casa a causa di istruzioni ufficiali (la cosiddetta quarantena) – cosa si applica ora?

Qui il diritto al pagamento continuato secondo la legge „EntgeltFG“ appare incerto. Perché il dipendente non è malato. Tuttavia, i diritti contro il settore pubblico e contro il datore di lavoro sono possibili ai sensi della legge sulla protezione delle infezioni. Di conseguenza, il datore di lavoro è generalmente tenuto a versare anticipi per la rimunerazione da pagare, fino a un totale di sei settimane. Tuttavia, il datore di lavoro può chiedere il rimborso all’autorità competente. Vedi anche Sezione 56 Legge sulla protezione delle infezioni (IfSG).

5. Devo continuare a pagare l’affitto anche se il mio ristorante non può rimanere più aperto?

Il 27 marzo 2020 è stato avviato un cambio di legge a causa della crisi di Corona. Se non è possibile pagare l’affitto dal 1 aprile 2020 al 30 giugno 2020 a causa di un calo delle vendite causato dal virus corona, il proprietario non può annullare il contratto di affitto. Tuttavia, l’inquilino deve dimostrare che i problemi di pagamento si basano sulla crisi di Corona. Se la società dovesse chiudere a causa di un ordine ufficiale, questo dovrebbe probabilmente servire come prova.
Tuttavia, l’inquilino non è esonerato dal suo obbligo di pagare l’affitto. L’affitto arretrato deve essere pagato per intero entro giugno 2022.

Se hai ulteriori domande o hai bisogno di aiuto con l’applicazione, ti preghiamo di contattarci.

Avv. Luigi A. Carta 

Scroll to Top